Davide Serra – e l’eurozona

DI: MICHELE TOSO.

In questo video del maggio 2014, il finanziere Davide Serra nonché fondatore e amministratore delegato del fondo Algebris spiega al pubblico quanto sia sconveniente uscire dall’Euro in quanto si manifesterebbe un drammatico aumento delle iniquità e incalza la sua tesi aggiungendo al min 02:35:

“Tant’è vero che in Grecia ed in Portogallo la gente ha fatto i calcoli…ha detto noi ci rimaniamo.”

Subito dopo tale affermazione ai frame 02:38/02:39 si lascia sfuggire una risata molto strana… vi prego di soffermarvi a vederla.

Cosa avrebbe voluto dirci in quel modo?

E’ difficile rispondere a questa domanda, però è verosimile che potrebbe trattarsi di un modo per scaricare una discreta dose di ansia accumulata nei discorsi precedenti.

Un altro segno di forte ansia può essere il fatto di accavallare un concetto sopra all’altro senza terminare la frase e anche lo sbagliare termini banali come nel caso specifico dire burocrazione (min. 02:24) anziché burocrazia.

Inoltre, sempre Serra durante questo video lo si vede battere gli occhi con una particolare sporadicità, in particolare dal min. 02:58 al min 03:20 non batte mai le palpebre per ben 22 secondi. Si tenga conto che mediamente in 20 secondi un individuo le batterebbe 4/6 volte.

Nel linguaggio del corpo lo sbattere poco le palpebre può essere sintomo di forte chiusura verso l’esterno.

Ma come è possibile che un famoso finanziere, nonché Commendatore dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana abbia manifestato, nel video in questione, tutti questi possibili indicatori di ansia durante la sua allocuzione?

Lascio a voi ogni valutazione in merito.

Fonte immagine: https://twitter.com/davidealgebris